Appuntamenti

 
 

Assaggi di cinema @ Hancock

 

Inizio 06/10/2010 alle 19:00 fino al 11/10/2010
Dal Lunedì al giovedì cenate e guardate i film in programmazione al Greenwich ad un prezzo speciale

 
Assaggi di cinema @ Hancock

ASSAGGI DI CINEMA

L'Hancock in collaborazione con il cinema Greenwich D'essai offre la possibilità di cenare e andare al cinema.

Dal lunedì al giovedì verranno infatti proposti un tris di primi + bevanda + caffè + l'ingresso al cinema a un costo di euro 14,00.

Lo spettacolo in riferimento ha inizio alle 21:30 per tanto è richiesta la prenotazione entro le ore 19:00 del giorno, è consigliabile inoltre presentarsi per la cena entro le ore 20:00.

E' possibile usufruire della promozione cena entro le ore 23:00.


Programmazione

 

SALA OVEST ore 19,15-21,30 sabato e domenica anche alle 17,00


The Killer Inside Me

una malattia chiamata misoginia

Un film di Michael Winterbottom.

Con Casey Affleck, Kate Hudson, Jessica Alba, Ned Beatty, Tom Bower, Simon Baker, Bill Pullman

Brent Briscoe, Matthew Maher, Liam Aiken, Jay R. Ferguson, Blake Brigham, Noah Crawford

Thriller, durata 109 min. - USA, Svezia, Gran Bretagna, Canada 2010.

Presentato in anteprima al Sundance Film Festival 2010

Il vicesceriffo Lou Ford è un pilastro nella comunità della sua cittadina nel Texas; paziente, gentile e benvoluto, almeno finché non inizia ad uccidere le persone.

Trama e sinossi

Texas, primi anni '50. Lou Ford è il giovane sceriffo di una sperduta contea e, nonostante il salario basso e la prospettiva di una carriera non esaltante davanti a sé, non si risparmia in favori per la sua comunità. Quando su esplicita richiesta del più importante affarista della zona, Chester Conway, viene incaricato di sfrattare Joyce Lakeland, una prostituta che si intrattiene con il figlio del magnate, Lou si reca a casa della ragazza. Gli schiaffi e gli insulti con cui Joyce accoglie l'ingresso dello sceriffo, risvegliano in lui un'indole aggressiva da tempo sopita che lo porta a percuoterla e possederla brutalmente. Da quel momento, i due intraprendono una relazione a base di sesso e violenza sadomaso, finché Joyce non propone a Lou di ricattare il figlio di Conway. Ma Lou decide di modificare il progetto a suo piacimento.
Il vero
American psycho non è uno yuppie dei rampanti anni Ottanta che abita in un attico dell'Upper East Side, ma uno sceriffo che amministra la legge nel profondo Texas dei prosperosi Fifties. Come Patrick Bateman, Lou Ford è una scheggia impazzita nella voluttà dei suoi tempi, che reagisce alla noia e alla frustrazione con la violenza più estrema e le più turpi perversioni. La somiglianza tra i due termina qui, perché se il romanzo di Bret Easton Ellis tende a dare una visione mostruosa ed esasperata della superficialità e del vacuo narcisismo dei nuovi ricchi, nel racconto originale ?The Killer Inside Me? scritto da Jim Thompson nel 1952 (quindi antecedente di ben quarant'anni il romanzo di Easton Ellis) non c'è alcuna traccia di possibile speculazione pseudo-sociologica. È puro pulp. Come puramente pulp è anche la trasposizione di Michael Winterbottom, che, dopo essere divenuto uno dei registi più quotati nei festival internazionali con un cinema di denuncia sociale, fatto di una cruda ricerca del realismo, nella sua prima incursione americana mette da parte ogni presupposto ideologico e si concentra realmente sulla ?polpa?, sulla matericità della sua matrice letteraria.

 

SALA OVEST feriali  ore 20,00 ?sabato e domenica ore 17,00-20,30

"Noi credevamo"

un capolavoro sulla "meglio gioventù" dell'Ottocenton

REGIA: Mario Martone
SCENEGGIATURA: Anna Banti, Mario Martone, Giancarlo De Cataldo
ATTORI: Luigi Lo Cascio, Valerio Binasco, Toni Servillo, Francesca Inaudi, Andrea Bosca, Luca Zingaretti, Guido Caprino, Renato Carpentieri, Ivan Franek, Stefano Cassetti, Michele Riondino, Edoardo Natoli, Luigi Pisani, Andrea Renzi, Franco
Ravera, Roberto De Francesco, Luca Barbareschi, Fiona Shaw, Alfonso Santagata

Con il suo ultimo film presentato alla Mostra del Cinema di Venezia, Noi credevamo, Mario Martone ha affrontato un tema fondamentale nel 150° anniversario dell?Unità d?Italia: l?esistenza non di uno, ma di due Risorgimenti, spesso contrapposti tra loro. Il Risorgimento di Cavour e dei Savoia, moderato e annessionista (a vantaggio del Piemonte); e il Risorgimento dei democratici, dei mazziniani, dei repubblicani, dei cospiratori, dei rivoluzionari, pienamente in linea con le rivoluzioni di mezzo continente. Come noto, dopo la sconfitta della Repubblica romana, sarà il primo Risorgimento a prevalere, a ?fare l?Italia?, e a determinare le sorti del nostro paese (e non solo del Meridione) per molti decenni. In parte, fino a oggi.
Questo tema (la netta differenza tra il Risorgimento istituzionale e conservatore, che forse non merita neanche di essere chiamato Risorgimento, e quello rivoluzionario) in Martone è strettamente intrecciato a un altro, che si svolge attraverso tre biografie: sono esistiti anche dei patrioti meridionali che, non stando né con i Borbone né con i Savoia, hanno sognato e lottato per un?Italia diversa.

Suggeriamo la visione del film agli studenti: Scuole Secondarie di I grado, Scuole Secondarie di II grado

PROIEZIONI IN  ORARI MATTUTINI E POMERIDIANI.

PER INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI CHIAMARE AI NUMERI TELEFONICI SOPRA INDICATI O ATTRAVERSO IL NOSTRO INDIRIZZO DI POSTA ELETTRONICA

Sarà a disposizione dei signori docenti il materiale didattico di approfondimento

 

INFO E INGRESSO

Carlotta 3403919155

Carla     340 4628348

Viale trieste 24
Cagliari

 

hancock - viale trieste 24 - cagliari
guarda la scheda indirizzo
 
 
 
 
 

Calendario appuntamenti