Appuntamenti

 
 

L'ANGOLO DEL TRAINER: L'OBESITA'

 

Inizio 19/12/2013 fino al 19/12/2013
Inauguriamo da questa settimana la rubrica di consigli del personal trainer Gabriele Golino

 

 

L'obesità è una condizione patologica caratterizzata da un eccessivo accumulo di grasso corporeo. Nella maggior parte dei casi, la cronica assunzione di calorie eccede il dispendio calorico, causando disordini nel bilancio energetico.

Durante il periodo di crescita adolescenziale ha luogo una significativa iperplasia di adipociti (un aumento del numero di cellule di grasso); tali cellule adipose sviluppate durante l'età adolescenziale resteranno uguali come numero per tutto il resto della vita. Questo significa che chi possiede 65 miliardi di cellule adipose, pur dimagrendo, non le ridurrà come numero, ma potrà soltanto svuotarle dal grasso che contengono.
Per questo è di fondamentale importanza,prevenire errati stili di vita sin dall'infanzia.

L'obesità è frutto dell'interazione di diversi fattori; in alcuni casi la cronica assunzione di cibo può essere correlata ad un gene difettoso che sintetizza l'ormone leptina, il quale è prodotto dal grasso e, immesso nel sangue, agisce sull'ipotalamo per regolare il peso corporeo. L'assenza di leptina produce un continuo stato di fame e marcata obesità.

Nei popoli occidentali, tuttavia, il disordine del bilancio energetico è causato soprattutto dal cattivo stile di vita che la società moderna impone piuttosto che da mutazioni genetiche: lavori sempre più sedentari, attività fisica in netta diminuzione, cibi ipercalorici ricchi di carboidrati ad alto indice glicemico e di grassi facilmente reperibili nel mercato e accessibili a tutti;
i bambini praticano sempre meno l'attività fisica per passare il tempo davanti alla tv e ai videogiochi .

Ma quali sono i rischi per la salute correlati all' obesità?

Gli inestetismi derivanti dall' obesità trovano posto soltanto in fondo alla lista dei problemi secondari a questa condizione: Le patologie più frequenti correlate all' obesità sono : diabete mellito di tipo 2; ipertensione arteriosa; aumento dei livelli ematici di trigliceridi, colesterolo e acido urico; insufficienza coronarica; infarto; insufficienza respiratoria; apnea notturna; insufficienza venosa agli arti inferiori; artrosi al ginocchio; ernia del disco; ridotta funzionalità gonadica; calcolosi della colecisti; aumento dell'incidenza di cancro del colon retto dell'utero e della mammella.

La patologia più strettamente correlata all' obesità prende il nome di "Sindrome Metabolica",un morbo in grado di colpire circa il 20-25% della popolazione, caratterizzato da: obesità viscerale; dislipidemia; alterazioni dal metabolismo glucidico; ipertensione arteriosa.

Alla sua base vi è una condizione di resistenza all'azione dell'insulina,accompagnata da un aumento dei livelli circolanti di acidi grassi liberi,angiotensina 2 e adipochine (fattori che mantengono lo stato dismetabolico alla base di tale sindrome). Secondo diversi studi, pazienti affetti da sindrome metabolica aumentano di 2-3 volte il rischio, rispetto a soggetti sani, di andare incontro a complicanze cardiovascolari e ictus e di 5 volte quello di sviluppare diabete mellito di tipo 2.

 

L' insulino-resistenza è uno stato di disregolazione dell'omeostasi glucosio- insulina, una ridotta capacità da parte di tale ormone di stimolare le sue azioni a livello epatico, muscolare e del tessuto adiposo causa, in tali distretti, una riduzione del consumo di glucosio, mentre a livello epatico si verifica un aumento della neoglucogenesi.

L'insulino-resistenza è, inoltre, responsabile dell' insorgenza di un'altra patologia: il diabete di tipo 2, una forma di diabete che rappresenta circa il 90% dei casi di tale patologia.

La causa non è del tutto nota. E' certo, però, che il pancreas sia in grado di produrre insulina, ma le cellule dell'organismo non riescono ad utilizzarla.

 

Per via dell'incapacità delle cellula di captare glucosio, il pancreas ha una sovrapproduzione di insulina, tale condizione si verifica anche quando i livelli di glucosio salgono a causa di una digestione rapida e di un assorbimento di carboidrati ad alto contenuto di glucosio.

L'incapacità dell'insulina ad esercitare la propria funzione stimola la conversione del glucosio in grasso corporeo.

Particolarmente interessante è il fatto che i pazienti affetti da diabete di tipo 2 possono tornare a normali livelli di glicemia dopo aver perso peso;se tale perdita di peso non dovesse verificarsi, le eventuali complicazioni sarebbero numerose e pericolose: diminuzione della vista (retinopatia diabetica); insufficienza renale; neuropatie periferiche (neuropatie diabetiche); micro angiopatie; incidenza patologie cardiovascolari tre volte superiori rispetto alla media; ulcerazioni periferiche (piede diabetico).

Per scongiurare queste complicazioni è utile attuare un piano di dimagrimento; l'attività fisica, anche se modesta, infatti riduce drasticamente i livelli di glucosio plasmatico, effetto che persiste per diversi giorni.
Si ottiene, inoltre, un buon controllo glicemico a lungo termine se l'attività fisica diventa regolare; infatti, quest'ultima aumenta la sensibilità all' insulina e costituisce un'importante terapia che porta alla diminuzione della richiesta insulinica. La riduzione del peso corporeo, accompagnata ad una riduzione del grasso corporeo, migliora la tolleranza al glucosio e la sensibilità all'insulina.

 

-----

Gabriele è un giovane personal trainer che collabora già da diversi anni con una delle palestre di fitness più note a Cagliari, il Koala di via Mercalli.
Appassionato di sport fin da giovanissimo, ha praticato attività agonistica per poi decidere di fare dello sport la sua professione, cominciando a collaborare con una piccola palestra per fare esperienza mentre studiava per conseguire titoli importanti, partecipando a diversi corsi, master e raggiungendo nel 2012, a 24 anni, la laurea in Scienze delle Attività Motorie e Sportive.
L'obiettivo di Gabriele è aiutare con passione e serietà le persone di ogni età che vogliano raggiungere la miglior condizione fisica, intesa come dimagrimento, aumento di massa magra, recupero da infortuni, preparazione atletica specifica per tutti gli sport o, anche, semplicemente, affiancare chi ama allenarsi e tenersi in forma. 
In un periodo come questo di grande stress, di ritmi frenetici, muoversi è fondamentale. Ma è fondamentale farlo bene, accompagnati dai consigli di un professionista.

Non aver paura di faticare! LET'S TRAIN!

CURRICULUM DI GABRILE
Nato a Cagliari il 27 gennaio 1988
- Dottore in Scienze delle Attività Motorie e Sportive presso Università degli Studi di Cagliari
- Personal trainer certificato FIF
- Functional training specialist certificato FIF
- Istruttore di Fitness specializzato in body building, circuit training e cardiofitness di II° livello certificato FIF
- Tecnico specializzato in allenamenti al femminile certificato FIF
- Master "cardiofitness e circuit training per il dimagrimento" FIF
- Master "alimentazione" FIF
- Master "la scheda di allenamento" FIF
- Master "programmazione e tecniche d'allenamento per l'ipertrofia" FIF

Per info
tel: 3405251709
email: gabrigolino@gmail.com
facebook: https://www.facebook.com/GabrieleGolinoPersonalTrainer
twitter: @GabrieleGolino

 

 
 
 
 

Calendario appuntamenti